Ricerca: i programmi elettorali a confronto - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Ricerca: i programmi elettorali a confronto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Nei post precedenti ho analizzato e commentato le proposte di Ulivo (vedi post) e Casa delle Libertà (vedi post) su ricerca, università e innovazione.

Riporto a mo’ di riassunto le conclusioni che ho tratto dall’analisi ci ciascun programma:

ULIVO: un pò di fuffa, buone idee, qualche sbavatura.

 (vedi commenti completi)

Nel complesso mi sembra un programma piuttosto articolato (per essere un programma elettorale) e che accanto a un pò di bla bla  contiene diverse buone  proposte, in particolare quella dell’Agenzia per la Ricerca e  l’idea di discutere una  nuova governance per l’Università. Qualche proposta è discutibile, come quella  poco sensata sull’ ‘obbligarietà del dottorato di ricerca e il piano di assunzioni a tempo indeterminato, che ricorda un pò  le "infornate" periodiche da prima repubblica, ben note nelle università di qualche anno fa (ora non ci sono neanche più quelle).

CASA DELLE LIBERTA’: uno sconcertante vuoto.

(vedi commenti completi)

IN tema di ricerca l’unico pregio del programma è la sua sintesi: quattro righe. Delle quattro proposte avanzate su ricerca ed innovazione la prima  (trasformare le Università in Fondazioni) è a mio avviso sconcertante per la sua ingenuità e povertà di intenti  la seconda, (incrementare-gli-investimenti-punto), è troppo vaga per poter essere presa in considerazione; la terza (copiare il modello francese) è poco credibile, dato che non tiene conto di differenze sostanziali fra i due paesi. Solo l’ultima proposta, raddoppiare la detassazione degli utili investiti in ricerca, sembra plausibile e ragionevole. Troppo poco,anzi praticamente nulla. 

Le elezioni sono un tema delicato, ma posso assicurarvi che nel valutare i programmi dei due schieramenti mi sono basato soltanto sui fatti e sul mio senso critico, senza alcun pregiudizio politico, per rispetto di chi legge e della mia stessa materia grigia. Per chi ha commenti da fare, i commenti sono lì apposta.  Sergio Pistoi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close