Rettore per un pelo - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Rettore per un pelo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

rettore università di firenze elezioniCome per le ultime elezioni politiche, le vittorie per un pugno di voti sono di casa anche all’università. Augusto Marinelli, rettore uscente dell’Università di Firenze, è stato rieletto ieri alla seconda votazione per pochi decimi di voto: quelli necessari a raggiungere il quorum per passare al primo turno. I decimi si spiegano col fatto che i voti del personale tecnico-amministrativo valevano  1/10 rispetto a quelli del personale docente.

Pur avendo totalizzato meno voti dello sfidante, Valentino Federici, Marinelli  ha comunque battuto il concorrente per numero di voti "pesati". In altre parole, il personale docente, ricercatori e professori, si è schierata in maggioranza per il rettore uscente, mentre Federici ha avuto l’ appoggio del personale tecnico-amministrativo. Alla fine della votazione, Marinelli si è ritrovato con 1015,2 voti "pesati":  8 decimi in meno rispetto al quorum. Il regolamento prevede però che i voti "decimali" vengano arrotondati per eccesso, raggiungendo così quota 1016. Il risultato delle votazioni è pubblicato qui.

Federici, il cui programma era improntato al cambiamento, si dichiara comunque soddisfatto "Queste elezioni sono una svolta importante per il nostro Ateneo, dove ha potuto svilupparsi grazie alla mia candidatura un confronto di idee e di soluzioni che ci sarà molto utile per il futuro. È stata una campagna elettorale vera, un voto vero."- scrive nel suo sito web. Forse se ne riparlerà nel 2009.

Il meno che si possa dire è che si è trattato di un’elezione travagliata. Una prima votazione, a inizio giugno, era stata sospesa poco dopo l’inizio perchè ci si accorse che il sistema non era tecnicamente in grado di garantire l’anonimato. Saggiamente, si è poi deciso di ricorrere alle vecchie ma affidabili schede cartacee. Pistuà

Nella foto: i due sfidanti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close