Le termiti della ricerca italiana piangono - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Le termiti della ricerca italiana piangono

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit
Le termiti e la fuga dei cervelliStop al rientro dei cervelli: sono finiti i soldi. Letizia Moratti fa fagotto e lascia un piccolo regalino d’addio alla ricerca italiana : ha  congelato, per mancanza di fondi, un programma varato più o meno cinque anni fa, che permetteva alle università di reclutare ricercatori provenienti dall’estero (italiani o stranieri). Letizia se ne va con mestizia, dopo aver demolito quasi tutto quello che restava di intatto nela ricerca italiana. Ma è questo che in fondo  hanno di bello i ministri: prima o poi se ne vanno.
 Restano invece inossidabili al loro posto i gerontocrati che guidano le nostre Università, distruggendole dall’interno come termiti affamate. E guarda caso, sono sempre le termiti  a gridare allo scandalo. Anche oggi è un coro di sdegno: il rettore del politecnico di Torino sospira su Repubblica "Ogni anno l’Italia esporta 30mila ricercatori e ne importa solo 3mila. Questo significa che siamo in grado di formare studiosi, ma non riusciamo a trattenerli". Gli fa eco il rettore di Siena (il cui predecessore, Piero Tosi, è indagato per una presunta vicenda di nepotismo):  "In Europa in media si investe per la ricerca l’1,6% del pil. In Italia appena lo 0,8%".
 Ma che originalità! Ma che spessore analitico!
Le termiti della ricerca italiana piangono perchè non possono più reclutare "geni" dall’estero, ma è tutta scena. Tanti, tantissimi "geni" circolano già nelle aulee dei loro atenei. E prima o poi sono destinati ad andarsene,  stufi di veder passare davanti a sè, nei pochi concorsi disponibili, gente mediocre, protetta dal barone di turno. E’ vero, i soldi sono pochi, i posti disponibili per fare ricerca ancora meno, ma chissà perchè anche quei pochi posti non finiscono quasi mai occupati dai candidati migliori.
Invece di strapparsi i capelli per lo stop di questo programma (la cui trasparenza è peraltro discutibile, chiedete a chi ha fatto domanda dal’estero), i capi dall’università italiana farebbero meglio a rimboccarsi le maniche e a dire qualcosa sui penosi sistemi di reclutamento nei loro atenei. Parecchi dei "geni" rientrati in Italia con il succitato programma se ne sono già tornati all’estero. Anche questo vorrà dire qualcosa. Sergio Pistoi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close