Whitetaker chiude i battenti. Evviva! - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Whitetaker chiude i battenti. Evviva!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

whitakerSul mio tavolo campeggia il “Final Annual Report” che mi ha inviato la Whitaker, una grande fondazione filantropica di ricerca nata nel 1975 con lo scopo di creare e sostenere una nuova scienza: quella della bioingegneria. Sembra un report come tanti altri, se non fosse che alla fine di questo mese, la Whitaker chiuderà definitivamente e volontariamente i battenti. Una brutta notiza? Tutt’altro. Fu lo stesso fondatore, l’inventore, industriale e filantropo Uncas A. Whitaker, ad aspicare che, entro 40 anni dalla sua morte, la Fondazione – che naque da un suo lascito milionario- avrebbe terminato la propria attività.

IN questo mondo a nessuno piace chiudere baracca e se lo si fa, in genere, è per disperazione, oppure per scappare portandosi via il bottino. Per questo, la Fondazione Whitaker è un caso a parte.

Nel 1991, con grande onestà intellettuale, il board della Whitaker ha deciso di seguire il suggerimento del proprio fondatore decidendo di iniziare la fase di “autodistruzione” (spending out, cioè consumare -in modo utile alla missione- tutte le risorse della Fondazione) . Da notare il fatto che essuna clausola prescriveva lo scioglimento obbligatorio della Fondazione.

“Abbiamo raggiunto il nostro scopo”- ha dichiarato G. Katona, presidente della Fondazione. Il campo della bioingegneria, riservato a pochi pionieri negli anni ’70, è oggi in piena espansione grazie anche e soprattutto agli investimenti della Whitaker.

Whitaker era un uomo pratico e previdente: si racconta che ancora prima che la figlia prendesse la patente, le aveva già insegnato a cambiare la ruote. La sua idea sulla fondazione era semplice e in stile con il suo carattere: se una fondazione continua a perseguire la sua missione all’infinito, significa che probabilmente non è in grado di raggiungerla.

Mentre rileggo la bella storia di Whitetaker e della sua creatura, penso ai tanti enti statali e regionali ormai inutili che nessuno riesce a chiudere e che stanno in piedi soltanto epr autoalimentarsi con denaro pubblico (non parlo di ricerca scientifica, o almeno non solo di quella) . In fondo Whitaker aveva ragione. Avere le idee chiare significa anche avere il coraggio di chiudere i battenti. Pistua.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close