Due conti su test e scuole - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Due conti su test e scuole

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Riaprire le scuole in relativa sicurezza costerebbe meno di 20 euro al mese per studente, se si usassero in modo intelligente i tamponi rapidi.

Ho già parlato in altri post del “covid filter” la strategia di sorveglianza continua: utilizzo di tamponi rapidi ripetuti a intervalli regolari per intercettare e isolare tempestivamente i contagiosi. Non una mia invenzione, ma un principio supportato da studi pubblicati nelle principali riviste scientifiche. (vedi qui e qui) Lo strumento che abbiamo a disposizione è il tampone antigenico, che si può fare in autoprelievo nasale.

L’ipotesi logistica a cui penso è: una volta alla settimana alla prima ora si distribuiscono le “saponette” antigeniche e ogni studente e insegnante seduto al suo posto si passa da solo il tampone dentro le narici e effettua il test in autosomministrazione. La procedura è semplice, l’ho provata direttamente e una classe delle elementari è in grado benissimo di farla, sotto la supervisione di un docente. Funziona anche da esercitazione di scienze. Dopo 10 minuti si leggono i risultati. Gli eventuali positivi vengono isolati e sottoposti a tampone molecolari di verifica.

Il test antigenico è meno sensibile del molecolare- diciamo che è in grado di identificare 7 portatori asintomatici su 10- e per questo inadatto a uso diagnostico una tantum e sul singolo (come ho spiegato in un recente video, non è la soluzione per organizzare ritrovi familiari in sicurezza o per eliminare le altre precauzioni).

Ma applicata alla comunità scolastica, e CONTINUANDO A UTILIZZARE LE STESSE PRECAUZIONI DI OGGI la ripetizione regolare del test a TUTTI una volta alla settimana, sarebbe un ottimo sistema di sorveglianza, perchè filtrerebbe buona parte dei contagiosi e ad ogni ripetizione la possibilità di identificarli aumenta. A regime, (e mantenendo mascherine, distanziamento etc…) si ha un ragionevole grado di sicurezza- diciamo la cosa più vicina al covid-free che possiamo ragionevolmente sperare di ottenere.

Inoltre, fattore importante, i test antigenici tendono ad essere piuttosto specifici, cioè il numero di falsi positivi che generano è più che accettabile. Considerato che i positivi andrebbero comunque ritestati con il molecolare, il rischio di saturare i laboratori con i falsi positivi è quindi basso.Il covid filter aumenterebbe certamente la pressione sui laboratori (è ovvio che più gente testi al primo livello, più positivi andranno verificati con il molecolare) ma i test di verifica confermerebbero quasi sempre la positività, quindi sarebbero utili al controllo epidemico.

Il che vuol dire che i laboratori sarebbero verosimilmente sottoposti a meno carico complessivo, considerato che il covid filter diminuirebbe i contagi incontrollati.

Va infatti considerato che la sorveglianza è una cosa diversa dal tracing, contrariamente a quello che molti scrivono. Il tracing ricerca i contatti di casi già identificati. La sorveglianza invece è un filtro continuo che si applica a tutta la comunità. Non ti dice che puoi andare tranquillamente a zonzo, ma a parità di comportamenti introduce uno strato in più che rende il sistema complessivamente molto più sicuro.

E’ ovvio che la finestra temporale deve essere adeguata. Fare un test a tutti una volta al mese, come è stato proposto in Piemonte, non serve a niente: in un mese ci stanno comodamente due cicli di incubazione. Un test rapido una volta alla settimana potrebbe essere il migliore compromesso tra costi e benefici e diventare un “rito” settimanale più quindi facile da applicare nelle scuole e agganciare agli orari

.Con questo filtro la scuola non sarebbe solo più sicura, ma diventerebbe anche un “setaccio” per identificare precocemente e fermare le catene di contagio nate per esempio in ambiente domestico . Da fattore di pericolo, i ragazzi – che sono quasi sempre portatori asintomatici- diventerebbero delle “sentinelle” contribuendo ad aumentare la sicurezza complessiva di tutto il sistema. Esempio: la mamma torna dal lavoro contagiata ma non lo sa e contagia il figlio. Sono tutti a-pauci-sintomatici ma il figlio è testato regolarmente e fa da “spia” per tutta la casa.

Quanto costerebbe tutto questo? Oggi un kit antigenico si ordina intorno ai 6 euro ma una mega commessa potrebbe spuntare anche la metà del prezzo. Essendo una tecnologia semplice, perfino lo Stato potrebbe promuoverne la produzione in massa.

Diciamo 5 euro a kit, mettendoci dentro anche i costi di handling e trasporto verso le scuole. Un kit alla settimana sono 20 euro a persona al mese. Tutte le scuole superiori italiane (2.650.000 studenti) costerebbero 53milioni al mese.

Tutti gli ordini e gradi incluse le primarie e i docenti costerebbero grossomodo 160milioni al mese.

Cifre sovrastimate, perchè col tempo il costo degli antigenici è destinato a ridursi. Comunque ragionevolissime per un paese in emergenza, considerata l’importanza del tema, l’utilità pubblica del filtro, i soldi che farebbe risparmiare e anche le quantità enormi di denari che vengono sperperate in cavolate (ricordate i banchi, vero?). Comunque, pochi punti percentuali rispetto al budget complessivo dell’istruzione.

Soldi spesi bene che possiamo permetterci.

Perchè non viene fatto?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close