Science Tunes #3: Questione di Curriculum - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Science Tunes #3: Questione di Curriculum

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit
  • Come parola, “laurea” suona bene in qualunque lingua. Quando però c’è da scrivere il fatidico curriculum in inglese, rimane il vecchio e italianissimo dilemma di come tradurre il sudato titolo. Buono a sapersi,Bachelor of Science (abbreviato B.S. per gli amici) non è solo l’equivalente anglosassone più simile alla nostra laurea scientifica ma anche il nome di una band drum&bass di San Francisco. Il genere non mi fa impazzire, ma dove lo trovi un altro gruppo con un nome così? Aggiudicato come primo pezzo della playlist.
  • A proposito di laurea, viene in mente il ragazzotto di un certo famoso film, appena laureato, tentato e sedotto da una certa signora Robinson. Aggiudicato il vecchio pezzo di Simon & Garfunkel, dalla colonna sonora di quel celebre film, rivisitato ottimamente dall’insolito duetto Carmen Consoli + Elisa. Una chicca musicale che mette d’accordo tutti da Monfalcone a Catania.
  • Mentre da noi sono tutti dottori, gli anglosassoni sono più inflessibili: puoi chiamarti dottore solo se hai una laurea in medicina o se hai un dottorato. Poi però, i dottori, quelli col dottorato, li chiamano tutti Ph.D., cioè Phylosophy Doctor, anche se sono esperti in genetica molecolare. C’è una spiegazione plausibile per questo, ma è sicuramente meno appassionante della storia d’amore e delusione raccontata in questa canzone di Jim Diamond, musicista scozzese ed ex leader degli anniottantissimi Ph.D. Se nel 1984 avevate l’età giusta e non avete ballato mai un lento con questa canzone, allora siete veramente dei nerd.
  • Ci sono quelli che dei titoli se ne fregano, e fanno bene. E ci sono anche quelli che hanno fatto molta più strada raccontando di come la scuola proprio non la digerivano:

we don’t need no education/we don’t need no tought control

urlavano i Pink Floyd con tanto di coro di bambini. La canzone è celeberrima e non ha bisogno di presentazioni. Aggiudicata anche in una versione grunge firmata Alice in Chains.

  • Scelte azzeccate, scelte sbagliate. Ma alla fine dei conti, dopo il liceo cosa si può fare? Aggiudicato, in chiusura, il vecchio Bennato e il suo pirata in vena di autocritica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close