Dieci anni di Dolly: io e il mio clone - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Dieci anni di Dolly: io e il mio clone

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Dolly 10 anniIl tempo passa in fretta, e dieci anni sono trascorsi da quando nei  laboratori scozzesi del Roslin Institute usciva la pecora Dolly. Cosa si può dire che già non sia stato detto e scritto in questi dieci anni, trascorsi  fra la falsa  speranza di una clonazione-panacea per tutti i mali e l’ancor più irrazionale paura di un mondo pieno di uomini-fotocopia?  Posso provare a  raccontarvi due storie  che mi riguardano.

Prima storia. Quando il musetto di Dolly cominciò a fare il giro del mondo e si cominciò a parlare seriamente di fotocopie umane,  già da qualche anno vivevo con un clone. Non scherzo. La mia compagna si  chiamava L. ed era una ragazza clonata, infatti dall’altro lato della strada viveva S. individuo  in tutto e per tutto identico a lei.  Stessa faccia, stessa voce, stesso DNA. D’accordo, il mio  era un clone naturale, frutto di uno strano e raro fenomeno avvenuto  nel grembo materno, ma  quando la gente si strappava i vestiti all’idea inquietante di incontrare orribili fotocopie umane, io e  i cloni vedevamo  il tutto con una prospettiva molto diversa. Certo, la clonazione riproduttiva non è cosa da farsi, ci sono molti motivi per cui vale la pena essere contrari, ma sapevamo anche  che di cloni umani è già pieno il mondo, senza che questo faccia paura a nessuno. Anche se   qualcuno si divertisse a creare un paio di bambini-clone  (a parte i rischi,  il poco rispetto per i "clonati" e l’inutilità dell’impresa) il mondo non crollerebbe. E poi, più che quella, ipotetica, del DNA, ha sempre  fatto più danni  la clonazione del nostro  "software": l’omologazione delle menti e delle coscienze, che putroppo è sempre stata una realtà nella storia. Ma qui non dico più nulla di originale…

La seconda storia, più  professionale, è quella del mio incontro con un famoso "clonatore" – o sedicente tale. Ve la racconto nel prossimo post. Pistuà

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close