Gonfiamento programmato (e non si parla di seni) - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Gonfiamento programmato (e non si parla di seni)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Pesce Palla

Per i giornalisti è un’abitudine, ma quando lo racconto nei miei seminari, i ricercatori  di solito sgranano gli occhi.

Il fatto è questo: gli uffici stampa di  tutte le riviste scientifiche più importanti, quelle dove tutti sognano di piazzare i loro papers, inviano regolarmente ai giornalisti comunicati stampa in cui pubblicizzano uno o più ricerche in via di pubblicazione.

Vi siete chiesti come mai avete ricevuto quella strana telefonata dal giornalista, anche se non avete mai contattato la stampa, e addirittura il vostro agognato paper non è ancora uscito? Ebbene, ora lo sapete. E’ la rivista che ha contattato i giornalisti al posto vostro, che vi piaccia o  no.

Quello di Nature è  manco a dirsi, l’ufficio stampa di gran lunga più attivo, almeno a giudicare dalle mail che ricevo.

E proprio oggi, in calce all’ ultimo comunicato stampa della rivista britannica ho trovato un’avvertenza esilerante e sconcertante allo stesso tempo:

HYPE: We take great care not to hype the papers mentioned on our press releases, but are sometimes accused of doing so. If you ever consider that a story has been hyped, please do not hesitate to contact us at press@nature.com, citing the specific example.

Tradotto liberamente e in soldoni dal gergo giornalistico, significa: “Di solito cerchiamo di non gonfiare le notizie che diamo nei nostri comunicati. Tuttavia, se pensate che una delle nostre notizie sia gonfiata, fatecelo sapere”.

———————

Nella foto: un esempio di  gonfiamento programmato

——————–

Insomma, una specie di disclaimer anti-bufala. La cosa spiazzante è che stiamo  parlando della più importante e prestigiosa rivista scientifica, nella cui redazione lavorano i migliori professionisti della comunicazione specialistica: da una  fonte affidabile e prestigiosa  di questo genere ci si aspetta  tutto tranne che escano notizie gonfiate.

E’ un pò come se comprando il televisore nuovo trovaste scritto sul manuale:

Caro Cliente, ci sforziamo di produrre televisori funzionanti e sicuri. Se però lo schermo dovesse esplodere mentre state stravaccati sul divano a guardare la partita, please ce lo faccia sapere“.

D’accordo, verificare le notizie è prerogativa del buon giornalista. Però voglio proprio vedere quanti giornalisti  “medi” arriverebbero a scoprire da soli che l’ultimo risultato sui protoni paraschioppali sinciziali pubblicato su Nature (fonte affidabile e prestigiosa) è una notizia insufflata stile  “pesce palla”.

Comunque ho già in mente il mio personale disclaimer anti-anti-bufala per il  mio prossimo articolo, se parlerò di una ricerca pubblicizzata da Nature:

Caro lettore, ho fatto del mio meglio per scrivere notizie accurate e veritiere. Se consideri che questa notizia sia una bufala, ti prego di farmelo sapere, così lo farò sapere a Nature.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close