Cartoline da un'isola felice - Giornalismo scientifico e comunicazione.


Cartoline da un’isola felice

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

La notizia è apparsa solo  in qualche trafiletto, e questo è  normale.  Le storie di ordinaria efficienza non fanno notizia come quelle, allarmanti sugli scandali o  sullo stato deprecabile della ricerca. Come ogni anno, la Fondazione Telethon ha riunito la sua Commissione  Medico Scientifica internazionale per decidere sull’assegnazione dei grants.

 Come ogni anno, c’ero anch’io. Non a sedere  fra i luminari della scienza, ovviamente, ma come membro dell’ufficio scientifico di Telethon. Passare tre giorni  rinchiusi dentro ad uno  stanzone in quel di Verona insieme a colleghi e scienziati, ritemprandosi con qualche breve coffee break non è  una passeggiata, ma per quei tre giorni è difficile non sentirsi in un isola felice. Almeno per chi conosce le   inefficienze e nepotismi che regnano  in gran parte delle ricerca italiana. Nell’isola felice  i progetti vengono valutati con un processo di peer review da referees esterni internazionali e poi, nei tre giorni di tour de force, discussi e votati da un panel di scienziati  di primo piano. Nell’isola felice non arrivano raccomandazioni e non ci sono figli,  nipoti e soliti noti: contano solo il curriculum dei  candidati e il valore dei loro  progetti.

ricerca scientifica telethonricerca scientifica telethon

 Si vedono  scienziati dal curriculum stellare che, accettano, praticamente gratis, di prendere un aereo dall’altra parte del mondo e chiudersi in una stanza con noi, invece di partecipare a eventi ben più remunerativi. Scienziati che discutono, in modo pacato e trasparente ma rigoroso, dei dettagli di ogni progetto. L’avete capito: nell’isola felice succede quello che è la norma in altre realtà del mondo, quello  per un miliardo di ragioni, non succede quasi mai nel nostro paese. Più tardi  Paul Robbins, chairman della commissione e scienziato di punta a Pittsburg, ci ha fatto il complimento più bello: "Lavorare con voi è come lavorare con l’NIH". Vuol dire che anche in Italia si può. Pistuà.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on TumblrPin on PinterestEmail this to someoneShare on Reddit

Comments

comments


Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close